Add this site to your RSS reader!


Recently in Confraternita Category

Sushi powered by Confraternita

| | Comments (0)

Yamasushi!
Originally uploaded by giusec

C’è poco da fare. Fare un salto al supermercato quasi sotto casa e trovare un prodotto ‘powered by Confraternita‘ mi provoca tutt’ora una certa commozione. Provatelo. Il migliore d’Italia prodotto in Italia (nella giapponesissima Segrate).

Io credo che tu debba mettere le scatole qui

| | Comments (0)

Voi non potete neppure immaginarlo, ma questo sabato, ad aiutarmi con il trasloco da G3 a G4, impartendo sagge direttive e guidandomi attraverso ponderati suggerimenti, ci sarà nientepopodimeno che la Confratenita. Il foto-report è d’obbligo.

Cose geche

| | Comments (5)

Gecomania
Originally uploaded by giusec

La Confraternita

| | Comments (0)

Confraternita/2
Originally uploaded by giusec

Da sinistra a destra. Geco5, Geco4 (il mago della quartagamma), Geco3 (il sottoscritto), Geco2, Geco7 (appena uscito da un matrimonio). Geco1 e Geco 6 assenti, rischio espulsione.

Ah, informazione per le mogli (dei Gechi), nonchè assidue lettrici. Si sta ragionando su una Zingarata, prima di Natale, un weekend e basta, dai, solo due giornetti, in giro da qualche parte, chessò io Spagna o Baltici o Amsterdam o qualche altro luogo di leggera perdizione, insomma si vedrà, cercate di fare le brave, grazie.

La Confraternita del Geco

| | Comments (0)

Ora, io non vorrei creare qui false aspettative, ma stasera, dopo otto lunghi mesi dall’ultimo segretissimo incontro (tanto segreto che venne annunciato la notte prima su g&f), si riunisce la temibile Confraternita al completo. Proprio così. La Confraternita del Geco. Well, quasi al completo. Geco6 deve andare a fare il weekend in montagna, da bravo borghese, e glissa l’incontro. Inutile dire che un affronto del genere, offensivo e ingiustificato, potrebbe costargli l’espulsione dalla Confraternita; o la retrocessione allo status di Gecoassistant.

La Confraternita fu fondata nel lontano Aprile del 2004. Una notte fumosa di Aprile (appunto) dell’anno del signore 2004 (appunto) un pugno di giovani di belle speranze si riunì in una fumosa osteria di Milano (allora si poteva fumare, nota dell’autore) per dar vita a ciò che avrebbe cambiato le loro vite per gli anni a venire: la Confraternita del Geco.

Sono passati sette anni, da quel giorno. Del nucleo originale (otto) ne son rimasti sette. Uno dei Gechi, Geco8, fu clamorosamente espulso, per due insindacabili ragioni: 1) arrecò gravissimo affronto alla Confraternita invitando la moglie ad una Gecocena. Ora dovete sapere che le donne non sono ammesse ad alcuna delle attività della Confraternita. La ragione non sto di certo a spiegarvela, qui, in questa sede. Ma l’infrazione della regola portò all’espulsione. 2) poi Geco8 si trasferì a Bologna, pensando di essere in Toscana; cercò così di raggirare gli altri membri, invitandoli nella regione sbagliata.

Insomma, dopo quasi un anno, stasera la Confraternita si riunisce. Per stare al passo coi tempi (ovvio, alcuni membri sono ormai degli attempati vecchietti; ma non è politically correct far notare certe cose), dicevamo, per stare al passo coi tempo ci si incontrerà nella zona più trendy di Milano, in uno dei posti più trendy di Milano, a bere cose schifosamente trendy – ma poco importa, è lo spirito, in fondo, quello che davvero conta (appunto; lo spirito contenuto nei drink).

Insomma. Un appuntamento storico. Ora, a mo’ di bibliografia, ecco alcune letture. Che potranno portare ad una più facile comprensione del mondo della Confraternita. Io nel frattempo mi preparo, con riti propiziatori e canti celtici. Hasta la victoria. Siempre.

Gecocena, un anno dopo

| | Comments (0)

Gecocena, un anno dopo
Originally uploaded by giusec

Le foto. Osteria Piero e Pia, Milano. Gecocena, un anno dopo. Geco1, Geco4, Geco5, Geco6.

Il ritorno della Confraternita

| | Comments (0)

Da troppo non ne parlo. Troppo troppo. Quasi due anni. Distratto da B, dalle nubi di Airworld, dalle tempeste di neve ghiacciata a Schipol (allora? la neve non può essere ghiacciata in Olanda?), dalla cheese cake lituana assaggiata un mese fa a Samarcanda, dalle donne velate che danzavano sensuali lo shairi a Port Harcourt, dalle avvenenti escort brasiliane di Palazzo Grazioli, dai raggi B (sempre loro…) visti balenare nel buio, imprendibili saette, alle porte di Gatwick.

La Confraternita.

Molte cose sono cambiate, nel frattempo. I gechi sono diventati (splendidi) quarantenni. Qualcuno anche più, ma non perdiamoci adesso in questi inutili dettagli anagrafici, che non fanno onore ai poderosi membri della Confraternita. I capelli si sono ingrigiti (dove c’erano). Il declino fisico è ormai inarrestabile. Quello mentale lo era già da un pezzo. Ma loro sono sempre lì. Impenetrabili. Impavidi. Inagibili. Imprevedibili. Terribili, più che mai.

Questa sera la Confraternita si riunirà. Dopo circa un anno. La celeberrima Gecocena. Una fumosa osteria di Milano. Risotti allo zafferanno calano come mannaie sui tavoli unti di verza (well – non so se la verza unga; ma ci sta da dio, in questa frase). Vino delle peggiori uve di Caracas in caraffa sferza i visi degli impavidi avventori, spandendo umori alcolici. La Confraternita è nuovamente riunita.

Ora, visto che tutti voi bramate dalla voglia di conoscere cosa è accaduto ai Gechi – bramate, vero? dai, che bramate – lasciate che vi racconti, brevemente, gli ultimi dodici mesi di vita di tali impavide creature.

  • Geco1: ha aperto con Geco5 la prima fabbrica di sushi sintentico in Italia. In pratica si compra una pillolina. La si mette sotto l’acqua e puf! ecco il sushi. Funziona alla grande – il sapore deve essere migliorato: dopo due giorni sa di fajita, ma la tecnologia è innovativa e le voci dicono che sia una delle idee geniali di Geco1 per convertire al sushi anche gli amanti del TexMex.
  • Geco2: il commercialista di Tremonti. Non si hanno notizie certe di Geco2, purtroppo. Ha fatto perdere le tracce, da mesi. Ha uno studio avviato da fiscalista. In piena Brianza. Non capisce un cazzo di economia, ma lui non lo sa. Aspè, mi sto sbagliando con Tremonti.
  • Geco4: il Maldiviano. Vive tra piazza Piola, la Toscana e gli atolli delle Maldive. Nel tempo libero compra verdure di terza gamma e le rivende come fossero galletti di quarta. Attenti a quelle cose viola con cinque zampe che inondano da mesi gli scaffali dei supermercati milanesi. Io vi ho avvertiti, eh.
  • Geco5: se Geco1 è la mente, Geco5 ne è il braccio. Il mago delle operations, impeccabile, guru del Just in Time, al cesso legge Toyota Way, fa sesso in base ai principi del Kaizen, in vacanza va a Detroit. Riesce a gestire una factory con un’app dell’iPad. Spesso fa consusione con iTunes e poi chiama incazzato la produzione per chiedere chi cazzo ascolta l’ultima di Beyoncè invece di tagliare il salmone a cubetti.
  • Geco6: quello che si inventava tutti quei maledetti SMS di Vodafone, poi passato a lavorare coi cinesi di Uauè, adesso è diventato un imprenditorotto grassottello brianzolo, coi capelli impomatati di gel brianzolo e l’auto cabrio (brianzola), vive in Brianza (e dove sennò?), parte e arriva da Orio al Serio, va in vacanza a Tredasio, fa i picnic al parco di Monza, vive a Camparada, insomma, ci siamo capiti, dai.
  • Geco7: continua a vendere aria, in cubetti, in scatola, in confezione famiglia, in vetro per i radical-chic, in confezione singola anti-crisi. E’ il tesoriere della Confraternita. Ha speso otto euro per una cena in tredici, un anno fa (era la mancia, dicono le malelingue).
  • Geco8: è scomparso. Desaparecido. Vive in Toscana. Ma lui crede ancora, dopo anni, di essere a Bologna. Ci abbiamo provato a spiegare che quel fiume lì in mezzo alla città non è il Panaro, ma non c’è stato verso, credetemi.

E poi c’è il sottoscritto. Detto anche Geco3. Ma sapete già tutto di me. O quasi.

Cibo.

| | Comments (0)

Ah, per la cronaca. L’altro ieri la Confraternita si è incontratta alla Trattoria Mirta, in zona Casoretto. A Milano. E’ una novità della bibbia SlowFood del 2009. Non è per niente male. Sui 40-45 €. Vini inclusi e dessert incluso e caffè incluso e amaro incluso. I padroni gentilissimi e cordiali. L’unica cosa che mi ha un pò infastidito era la luce. Troppa. E bianca. Io sono un fan delle luci calde e diffuse. Non buio, eh. Stile GHP, per capirci.

Trattoria Mirta.
Piazza San Materno 12, zona Casoretto-Teodosio, Milano.
02 911 80 416.

Antiche tradizioni.

| | Comments (2)



L’ombra minacciosa del geco (sulla cultura).

Originally uploaded by giusec

Da queste parti si riprende, stasera, una delle tradizioni più
lunghe a morire di questo blog: la Gecocena. Nata nel lontano duemilacinque come momento conviviale e di conversazione socioculturale della misteriosa Confraternita, la Gecocena si evol… Vabbeh, visto lo scarso interesse vi risparmio l’intera storia. Stasera, comunque, la Confraternina è al completo. Dopo anni. In un’osteria, da qualche parte a Milano. Con la sola eccezione di Geco6, detto anche il Cinese. Che si trova, indovinate un pò dove?

PS: in Ungheria. Adesso non è che un tizio, solo perchè è detto il Cinese, debba necessariamente trovarsi in Cina. Andiamo, su.

Zingarata 2009, il percorso.

| | Comments (0)

Eccolo. Valencia-Teruel-Albarracin-Alcaniz-Tarragona-Barcellona. Via Google Map.

giusec’s tweets

Monthly Archives

Photos