Add this site to your RSS reader!


Abu Dhabi, 1434

| | Comments (4)

Dubai. E’ l’alba. L’auto che mi porterà ad Abu Dhabi è li che mi aspetta. Puntuale. Un’ora e mezza. Poco traffico. La città si sveglia adesso. Pensavo di attraversare il deserto. Invece è verde, la striscia tra le due megalopoli. Alberi e cespugli. Subito dopo, il deserto. Giù. Fino all’orizzonte.

Domani è il capodanno islamico. Muore il millequattrocentotrentatrè. Arriva il millequattrocentotrentaquattro. Uffici chiusi. Tutti in vacanza. Tranne noi occidentali. Ma questo è il meno.

A causa della festività l’alcohol non è servito. Introvabile. Da mercoledì a domani pomeriggio, 6:30PM. Bar chiusi. Se aperti, niente alcolici. Ristoranti aperti, ma solo acqua e succhi. Il peggio deve ancora. arrivare. Hanno svuotato il mio minibar. E per finire in bellezza, messaggino in camera:

All entertainment will be stopped for this period.

Tutto. TV inclusa.

Ora, come sempre, le cose si desiderano quando vengono a mancare. Prima di saperlo pensavo ad altro. Adesso, ho voglia di una birra. Il desiderio di birra ghiacciata sale. Però. Ho un’ultima chance. Il room-service. Ci provo. Chiamo una volta. Due. Alla terza rispondono. Mi richiameranno, sono presi. Cinque minuti. Dieci. Vedremo. Squilla il telefono. Eccoli.

Comments

allora, to beer or not to beer ?

vedi sopra.

Quest’anno io sono stato in Messico proprio quando c’eran le elezioni, scoprendo l’esistenza della “ley seca”: ristoranti e negozi non possono servire/vendere alcolici nelle ore “attorno” alle elezioni (tipo dalle 6 di sera del giorno prima alle 6 del mattino del giorno dopo).
Nessuno sa perche’ esista ne’ a cosa serva; ma a occhio sembra molto piu’ rispettata del codice della strada.

Leave a comment

(required)

(required)

giusec’s tweets

Monthly Archives

Photos