Add this site to your RSS reader!


Alcuni primi effetti della fine di B

| | Comments (3)

Il primo effetto della fine del regime è che molti blog chiuderanno, tanti sono già in crisi di contenuti, Travaglio è barricato in casa da sabato, Porta a Porta ha chiuso i battenti e il sottoscritto dovrà tirar via una categoria e ridurre di un buon venti percento il numero dei suoi post – già ridotti al lumicino, ultimamente.

La Repubblica tornerà ad essere un giornaletto laziale di centro-centro-sinistra, la Stampa un giornale dal bel layout su web, e il Corriere. Il Corriere non importa, a nessuno importa più del Corriere, ormai.

Un secondo effetto è che la pagheremo cara. Pagheremo cari questi diciassette anni. La cosa più triste è che pagheranno i seguaci di B; ma anche tutti coloro che a B si sono opposti sin dall’inizio, come il sottoscritto. Ma questo è il bello della democrazia, babe.

Un terzo effetto è che finalmente smetteranno di prendermi per il culo all’estero, quando viaggio, negli uffici, alla macchinetta del caffè, a pranzo, a cena, e questa è una gran cosa, non c’è proprio che dire. Non solo, ma potrò vantarmi del fatto che Monti è Bocconiano e che io un MBA in Bocconi sono riuscito con fatica a prenderlo, e allora vuoi mettere che analogia.

Un ultimo effetto è che forse si vedrà finalmente un governo fare qualcosa a favore del Paese, da oggi in poi, per la gente che ci vive, per le famiglie che ci lavorano, per gli stranieri che ci si sono trasferiti. Per quasi vent’anni abbiamo visto solo cose fatte a favore di un unico individuo, ma il vento è cambiato, e quell’individuo è meglio che adesso pensi a come non fare la fine del suo caro amico libico.

B è finito, il tragico effetto B durerà ancora per anni, per molti anni, vediamo almeno di esserne consapevoli. Però un peso ce lo siamo tolti. Dai, che un bel peso finalmente ce lo siamo tolti.

Comments

Io sono dei pesci come Monti. Conta qualcosa?

Speriamo che il tuo ottimismo sia di buon auspicio.
Nel frattempo spread di nuovo a 530bps e addio Monti…

Well, non è che sono ottimista. E’ che non ci sono alternative possibili. O così o si va in bancarotta.

Leave a comment

(required)

(required)

giusec’s tweets

Monthly Archives

Photos