Add this site to your RSS reader!


La meglio gioventù

| | Comments (3)

Ieri pomeriggio cercavo un pò di sollievo ai trenta gradi e trecento percento di umidità di Milano, così mi sono infilato in Feltrinelli, ho visto che era uscito il doppio DVD La Meglio Gioventù, a circa nove euro, l’ho comprato e sono andato a casa a (ri)guardarlo. Sei ore di film, che coprono un pezzo della nostra storia, dal pre-68 a tangentopoli, passando dalle BR e dalle grandi trasformazioni di questo paese. Non puoi fare a meno di fare paragoni. La mia è una generazione di mezzo: nata dopo il sessantotto, non ha mai combattuto (lo ha fatto con le parole), spettatrice e protagonista del boom e del conseguente tracollo economico e impoverimento sociale. Abbastanza fortunata da non rientrare nella generazione del precariato. Non abbastanza forte da cambiare le cose in Italia. Protagonista di una fallimentare ricerca di miglioramento del paese e di un conseguente abbandono della lotta; un buon 50% degli amici non è più in Italia e dubito che io possa suggerire alle mie figlie oggi di vivere qui con l’unica eccezione, forse, di Milano.

Leggo ogni mattina sui quotidiani dei signori che stanno facendo a pezzi il nostro paese e non posso non continuare a deprimermi, come se depresso non lo sia già abbastanza per mille altre ragioni. Che cosa bisogna fare per toglierli di mezzo? Come possiamo evitare che questi imbarazzanti personaggi ci portino al tracollo? E d’altra parte, che alternativa abbiamo, oggi, a questi scellerati incoscenti? Bersani ed il PD? Ok, finiamo qui, è troppo. Vado a prendermi uno Xanax.

Comments

Che cosa bisogna fare per toglierli di mezzo?
Cominciamo dal piccolo, cominciamo a tagliare le gambe ai pensionati col doppio incarico di consulente o simili. All’assemblea di condomino ho scatenato un putiferio perché ho votato contro un vicino pensionato che lo voleva fare. Ho gridato che voglio un giovane o pure anche un vecchio ma NON uno in pensione !
Uno in pensione è uno che per definizione non è più in grado di lavorare e per questo lo Stato gli passa un sussidio più o meno alto a seconda di quanto costui fece per lo Stato stesso.
Cominciamo da qui: boicottiamo quelli dal doppio incarico, pesantemente, e pure con violenza (verbale, ovviamente).
E poi a 70anni tutti a casa a guardare i tramonti, allevare i nipoti, fare il bene che non si è riusciti a fare.
(grazie per lo spazio)

dimenticavo … per tutto il resto c’è Di Pietro !

se bastasse solo qs x iniziare il cambiamento saremmo già ad un passo dalla vittoria o dalla liberazione, ed invece siamo qui a vivere male e pensare che i ns figli vivranno peggio di noi! :(

Leave a comment

(required)

(required)

giusec’s tweets

Monthly Archives

Photos