Add this site to your RSS reader!


Londra, riots e Blackberry

| | Comments (0)

Non è poi così irreale assistere a ciò che sta accadendo da tre giorni a Londra – Clapham, Oxford Circus, Tottenham. Non bisogna essere esperti di cose sociali britanniche per rendersi conto delle ragioni della protesta. Per la seconda volta (la prima nel 1985) la polizia fa secco un nero per le strade di Londra.

Ciò che mi sorprende è il modo in cui le notizie rimbalzano sui siti Italiani. Il Corriere parla solo e ripetutamente di teppisti organizzati, perdendo di vista tutto il resto. Ma non c’è da stupirsi, vista la levatura del quotidiano. Non si menziona la strategia fallimentare della polizia inglese. Date un’occhiata ai video in rete. A parte il tizio colpito a morte, ci sono ragazzine pestate da squadroni antisommossa (in un video la gente continua a gridare it’s a girl! it’s a fucking girl! - è solo una ragazza! E’ una fottuta ragazza!).

E’ interessante anche l’uso dei social network – meglio, il non uso. Stavolta sembra che la voce si sia sparsa attraverso il Blackberry Messenger (BBM). Ma non si era detto che il BB era ad un passo dalla tomba? E guarda invece cosa ti va a capitare.

In recent public disturbances such as the Student protests, commentary has focused on the role that social networks such as Twitter and Facebook have played in the planning of demonstrations and coordination of protesters. By contrast in this riot it appears the social network of choice is one provided by none other than BlackBerry.

E anche.

It took my far cooler 17 year old nephew to explain that the main reason for their popularity is due to BBM – BlackBerry Messenger. BBM as it is known, is an instant messenger system that has become popular for three main reasons: it’s fast (naturally), it’s virtually free, and unlike Twitter or Facebook, it’s private.

Vabbè. Se la cosa vi interessa, qui c’è la google-map delle aree infestate dai teppisti (adesso vuoi vedere che il Corriere mi chiama per un colloquio?). E qui e qui un pò di considerazioni sulla storia del BBM e delle sue implicazioni con la protesta.

Leave a comment

(required)

(required)

giusec’s tweets

Monthly Archives

Photos