Add this site to your RSS reader!


Vagabonding stats, 2010

| | Comments (3)

Airworld
Originally uploaded by giusec

Facevo un pò di conti, stamattina, sul 2010 e su quanto ho viaggiato, per lavoro. Da gennaio a dicembre, con l’esclusione di luglio, che è stato il mio mese di break estivo. In tutto sono stato via per 132 giorni su 237 totali. Il 56% del tempo. L’anno scorso, e prima di cambiare posizione, la mia media era di circa 85-90 giorni di viaggi lavorativi l’anno. Il mese in cui sono stato più via è maggio: in viaggio per l’80% del tempo, 16 giorni su 20, seguito da ottobre, via per il 70% del tempo – 14 giorni su 20. Il mese in cui sono restato più a casa è aprile: via “solo” per il 20% del tempo, 8 giorni su 20. Era il mese del vulcano islandese, tanto per intenderci. La metà più frequentata Londra e poi Duesseldorf. Ho girato Londra in lungo e largo, mai come quest’anno. Gli aeroporti più visitati LHR, LGW e DUS, escludendo i due scali longobardi. Sono stato 4 volte a Mosca e ho mancato il Kazakhstan causa neve. Ho visitato per la prima volta Nigeria e Tunisia. A differenza degli anni passati sono stato solo una volta negli US – ci tornerò tra due settimane. Non avevo mai messo piede a Cape Town e Bratislava. Il posto più lontano e per il quale ho i più bei ricordi è Cape of Good Hope, Capo di Buona Speranza. E Langa, la township di Cape Town.

Tutto questo se consideriamo i luoghi così come li intendiamo generalmente, fisici, calpestabili, tangibili. Se invece estendiamo, anche di poco, la definizione di luogo, allora ecco che le statistiche cambiano. Il posto nel quale ho passato più ore e che mi è più familiare è adesso quello in foto. Facile. Airworld.

Comments

bel post! io che giro sempre e solo (ma tanto)per l’Italia in auto dovrei tenere simile ‘diario’ di viaggio, tanto per ricordare ai capi e ai colleghi che stare fuori casa oltre il 20/25per cento del tempo non è più un diversivo, ma fatica, stress, lontananza e a volte nostalgia, siappur sempre condita dalle meraviglie sorprendenti che questo mondo ci offre.
Un caro saluto di Buon Natale a te e a tutti i tuoi lettori.
Paolo

ps mi raccomando: inserire quanto sopra nel CV come i km percorsi dai colleghi dell’est!

Faccio anch’io lo stesso conteggio ogni anno, esattamente per lo scopo menzionato da paolo qui sopra.
Il mio file excel quest’anno mi dice 135 giorni fuori casa, ovviamente non contando le ferie.
Facendo un po’ di tara escludendo i viaggi in giornata in Italia che quest’anno sono stati particolarmente numerosi, saremo sul centinaio.

“Travelling is glamorous, isn’t it?” come disse il mio capo quella volta che passai la notte su una poltrona all’aeroporto di Riyadh.

Leave a comment

(required)

(required)

giusec’s tweets

Monthly Archives

Photos