Add this site to your RSS reader!


I sorrisi sono gratuiti.

| | Comments (1)

Back to South Africa, dopo le divagazioni sui megaeventi milanesi, oggi ho conosciuto Sergio (nome fittizio). Sergio è di Brescia ma ha lasciato l’Italia anni fa per il Sud Africa. Poi è tornato, con la moglie, a Brescia, per nostalgia del Belpaese. Dopo neppure un anno ha preso un volo per Joburg, definitivamente. Ha cinquantacinque anni. Ha vissuto l’anno della fine dell’apartheid, il novantaquattro, è entusiasta di questo paese. Non tornerà più a casa. Mille ragioni, mi ha spiegato. I tramonti, il cielo, la qualità della vita (*), la semplicità della gente, il costo drammaticamante inferiore del vivere (una casa costa in media cinque volte meno che in Italia). Ma, soprattutto, ciò che l’ha spinto a tornare qui è in fondo molto semplice: in Sud Africa, mi dice, i sorrisi sono gratuiti.

(*) la criminalità è sempre un grave problema, ma è in drammatica diminuzione. Circa trentamila poliziotti pattuglieranno downtown per i mondiali. Videosorveglianza. La vivono in modo abbastanza fatalista, come se si trattasse di banali incidenti stradali…

Comments

Ho viaggiato relativamente poco, in vita mia, e per anni l’idea che qui a Trieste non solo i sorrisi non fossero gratuiti, bensì del tutto proibiti, è restata dentro me come un vago dubbio, perchè non avevo confronti.
Poi ho trascorso due settimane a San Diego.
E ho visto la luce ;-)

(Vuol dire che quando deciderò di scappare, NON andrò a Brescia)

[Seiryokuzenyo]

Leave a comment

(required)

(required)

giusec’s tweets

Monthly Archives

Photos