Add this site to your RSS reader!


Barcellona la triste.

| | Comments (0)

Ho trovato una Spagna molto cambiata, questa settimana. Non venivo qui da mesi. Era maggio, o giugno, non ricordo. Si respirava ancora un’aria positiva a Barcellona, come se non ci si rendesse ancora conto di cosa stava accadendo.

Adesso si, che tutti se ne sono resi conto. In un anno la Spagna ha perso più di un milione di posti di lavoro, circa ottocentomila dal comparto real-estate. Migliaia di agenzie immobiliari hanno chiuso, rimpiazzate, dove possibile, da negozi, supermercati, edicole. Il governo garantisce due anni di assistenza agli unemployed, e pertanto non tutti cercano lavoro immediatamente. Restano in attesa – un’attesa che si potrebbe prolungare più del dovuto.

L’indice di produzione industriale è crollato del 16% a Ottobre. Non ci sono segnali di ripresa. La gente è preoccupata come non lo era mai stata dal boom degli anni ottanta-novanta. Il Governo non si è reso conto – o ha fatto finta di non rendersene conto – della gravità della situazione ed ha più volte affermato che la crisi non avrebbe toccato il paese.

Barcellona resta, a mio parere, la città più bella d’Europa. E’ un pò più triste e fa finta che nulla sia accaduto, in attesa di qualche segnale di ripresa. E questo, in fondo, la rende ancora più desiderabile.

Leave a comment

(required)

(required)

giusec’s tweets

Monthly Archives

Photos