Add this site to your RSS reader!


Vorrei raccontarvi un adeddoto. Tempo fa, alle primarie delle primarie delle primarie, il mio voto andò a Letta. Letta nipote, intendo. Enrico. In realtà lo conoscevo poco. Ma sembrava giovane. Serio. Uno della mia generazione. Un possibile futuro leader. Poi le cose andarono come andarono. Vinse Uòlter. Letta restò a galla, visibile e invisibile, a tratti. Divenne ministro ombra welfare. E poi l’uscita infelice di due settimane fa. Sulla Englaro. E e sul suo voto di fiducia al disegno di legge del signor B.

Scrive Cazzullo (ed io, francamente, non potrei far di meglio).

(…) Anche per questo è incredibile che un quarantenne come Enrico Letta abbia annunciato il suo si al disegno di legge che riproponeva di fatto il decreto respinto da Napolitano. Non aver capito che non sulla vita di Eluana si votava, ma sulla prova di forza imposta dal governo, apre un interrogativo grave sulla capacità di rappresentare l’intero partito da parte dell’uomo che a molti di noi è parso il leader naturale del PD futuro.

Leave a comment

(required)

(required)

giusec’s tweets

Monthly Archives

Photos