Add this site to your RSS reader!


Italianish, secondo atto.

| | Comments (4)

Tra le cose terribili che ho recentemente scoperto di dire in pubblico, frutto di un inarrestabile deterioramento del mio Italiano, vorrei ricordare – così, a mò di autopunizione:

  • Attualmente sono qui in casa (Actually, I am…)
  • Questa compagnia vola solo domesticamente (….domestically…)

E poi le sempreverdi:

  • Basicamente ci sono alcune cose… (Basically, some things…)
  • Sono supposto di essere in Italia… (I’m supposed to be…)
  • Sono già sulla mia via… (I’m on my way…)

E altri terribili e impronunciabili neologismi. Che sto impietosamente annotando, per il terzo atto.

Comments

‘proposito di actually, non significa qualcosa tipo “praticamente”? Credo si tratti di un “false friend”, sui dizionari che consulto “attualmente” me lo ritrovo tradotto come “currently”. A meno che non si tratti della solita sfumatura tra inglese deqquà e inglese dellà.

E non è che di tanto in tanto ti scappa un “confidente” per caso?

p.s.: basicamente lo usa anche il nostro AD, e fa veramente schifo (mi si passi), sembra si parli di chimica.

Actually, nell’inglese dellà, è usato per dar inizio ad una frase e rinforzare il significato della frase stessa. “Actually, I am in Boston”. Oppure: “Actually, I hate Silvio B”. Se ne potrebbe anche fare a meno, ma è onnipresente.

Confidente: da inserire assolutamente nel terzo atto.

‘Basicamente’ e ‘domestico’ sono orrendi, ne convengo (o, come si dice dellà: sono in agreement con ciò che dici).

i voli “domestici” sono quelli della colf filippina?

comunque, il peggio che ho sentito è “fa senso” (it makes sense). Sono stato gentile, ho risposto: yes, it makes sense – anche se avrei voluto dirgli: è il tuo italiano che fa senso…

Leave a comment

(required)

(required)

giusec’s tweets

Monthly Archives

Photos