Add this site to your RSS reader!


NOTA del Luglio 2008: lista aggiornata! Trovasi qui.

Ci siamo. La lista. Ma prima, gran recap (dicesi recap un riassunto, una reviù, una sintesi. Ma fa più figo dire recap).

  1. Prima parte. Abbiamo visto che bisogna anzitutto imparare a distinguere il nome dell’head-hunter. Nome che non può – no, non può, proprio non può – essere Amici al Lavoro o Lavoro Forever, ma deve avere uno stile un pò particolare, una cosa tipo Smazzariel & Parkinson o anche James & Stewart o ancora Hansel & Grethel. Insomma, ci siamo capiti.
  2. Seconda parte. abbiamo anche visto che è inutile – pressappoco inutile – inviare il proprio civvì. Bisogna far uso del proprio network relazionale (reale o online). E se non si ha un network relazionale si è spacciati. (*) Soluzione: vedi nota finale.

E finalmente, ecco la lista degli head-hunter italiani. Per lo più del milanese, ma attivi in tutta Italia. Che dire. Fatene buon uso.

  • - Egon Zehnder, link
  • - Spencer & Stuart, link
  • - Russel Reynolds Associates, link
  • - Eric Salmon & Partners, link
  • - AT Kerney Executive Search, link
  • - Neusearch, link
  • - KPMG People Advisory Service, link
  • - Key2People, link – Hudson Highland, link e link
  • - Korn Ferry International, link
  • - Ray & Berndtson, link
  • - Alexander Mann Italia, link
  • - D&G The Amrop Hever Group, link
  • - Omnia, link
  • - Right Management, link 

(*) Nota finale. Per chi è privo di network e vuole crearsene uno spaziotemporale. Consiglio la lettura di alcuni libri. Eccoli. – The Tipping Point, Malcolm Gladwell – Linked, How everything is connected to Everything Else and What it means, Albert-Laszlo Barabasi – Love is the Killer App, Tim Sanders.

Comments

Caro Giuseppe,

Grazie dei tuoi consigli. Provero’ a metterli in atto!
Il tuo modo di sdrammatizzare tutto il processo di ricerca e selezione mi ha fatto sorridere, ma ritengo che tu abbia ragione per molti versi.
Io lavoro all’estero da un po’ di anni ed effettivamente non mi sarebbe per niente facile rientrare a lavorare in Italia semplicemente confidando negli “Amici al Lavoro’ ..

A presto!
Eli

Ciao Eli, in bocca al lupo allora. Presto pubblicherò una lista aggiornata.

hai una lista aggiornata per favore?

Mi hai fatto “riderissimo” (ovvero ridere tantissimo)
Attività non facile di questi tempi.
Stavo per mettere in pratica anch’io una simile strategia e dopo che l’ho letta anche nei “tuoi” termini mi sa che mi lancio proprio..
Ora vado a vedere i tuoi link
Saluti dalla svizzera

Ciao,
io lavoro per una Banca Retail.
Esistono head hunters specifici per il mio settore?
Grazie.

Ciao. Scusami in anticipo la domanda forse un po’ sciocca, ma nella Second parte, cosa intendi per ” fare uso del proprio network relazionale”??
Grazie ciao

Ad esempio facendo uso dei proprio network LinkedIn per contattare HR o headhunters.

Leave a comment

(required)

(required)

giusec’s tweets

Monthly Archives

Photos